ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE COMPILA IL MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

ORDINA IL LIBRO "ASSASSINI IN PILLOLE: LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE

Nome

Email *

Messaggio *

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

giovedì 20 aprile 2017

ANESTESIA GENERALE CAUSA ATTACCO PSICOTICO. MEDICO CHE MINACCIA DI "TOGLIERE LA POTESTA' GENITORIALE". LEGGETE, RABBRIVIDITE E DENUNCIATE!

LETTERA (SONO STATE TAGLIATE ALCUNE PARTI PER RISPETTARE LA PRIVACY DEGLI INTERESSATI)


Gentilissimo Maresciallo,
visto la sua gentilezza volevo raccontarle un po' la vita di mio figlio per farle capire come la sua vita sia un percorso di dolore.

Poi segue qualche anno buono, poi a 17 anni va all'ospedale per operarsi di urgenza di ********. 

Entra dentro alla sala operatoria mio figlio ******, ed esce ****** con attacchi psicotici. 

L'anestesia gli crea uno squilibrio biochimico nel cervello. Squilibrio che il dottor ***** dell'ospedale ****** ci obbliga (voleva toglierci la patria potestà) a curare con psicofarmaci. 

Prima con l'Haldol (che gli causa una delle reazioni extrapiramidali più brutte che io abbia mai visto) poi con il Risperdal, poi con la Zyprexa prima a 15 poi a 10.  Segue qualche anno tranquillo, anche se sempre in cura con la Zyprexa calata fino a 7,5 mg al giorno, e questo  fino a febbraio di quest'anno. 

****** si sentiva depresso lo psichiatra gli consiglia lo Zoloft e lui invece di 2 pastiglie al gg come prescritto ne prende un numero non ben precisato.


Questa è la storia allucinante di mio figlio, seguito da me e mio marito sempre con la massima cura e premura. Siamo incappati in tanti medici non validi.

PENSO CHE ORA ****** SI MERITI UN PERIODO LUNGO DI SALUTE.

Confido che il SUO LIBRO MI AIUTERA'. 


Cordialità.

Lettera firmata


RISPOSTA

Buongiorno sig.ra,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi...

Come si fa a non inorridire davanti a eventi come questo?

Un ragazzo, senza nessun pregresso problema di natura psichiatrica, ha un attacco psicotico A CAUSA DELL'ANESTESIA GENERALE (che, lo ricordo, sempre di farmaci che agiscono sul sistema nervoso si tratta) e i "luminari" di turno, al posto di ammettere le proprie colpe, di scusarsi e di ATTENDERE che il corpo possa RIEQUILIBRARSI, che cosa fanno? Dicono che l'anestesia ha "semplicemente" fatto emergere un problema che sarebbe emerso comunque...

Ma non finisce qui...


SENZA ALCUNA AUTORITA', prospettano decadimenti della potestà genitoriale (atto, questo di ESCLUSIVA PERTINENZA DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI) se i genitori non acconsentono all'imbottimento perenne del proprio figlio.

E nemmeno davanti al peggioramento delle sue condizioni, i "luminari" fanno un passo indietro...anzi.. aggiungono ulteriori farmaci che aggravano ancora di più la situazione.

Questa è la barbarie raggiunta dalla classe medica, e soprattutto da quella psichiatrica. 

Sempre più persone stanno finalmente capendo che un cervello umano non potrà MAI E POI MAI "guarire" se imbottito di sostanze psicotrope.

La guarigione, quella vera, quella che non sia una mera soppressione dei sintomi, è tutta un'altra cosa.

Vedo un oceano di persone che finalmente si sta svegliando dal torpore indotto dall'informazione pilotata che ripete come un mantra che tutte le medicine fanno bene, a cui dico: DENUNCIATE.

DENUNCIATE tutti gli abusi, le minacce, la mancanza di consenso informato, la mancanza all'autodeterminazione sanitaria.

DENUNCIATE chi non espleta la propria professione di medico psichiatra con coscienza e conformemente alle Leggi.

REGISTRATE, come è vostro diritto, i colloqui, e non permettete MAI E POI MAI che i vostri diritti costituzionali vengano calpestati.

Io ci sono.

Pietro Bisanti


Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.






domenica 16 aprile 2017

"NON GUARDARE TROPPO UNO PSICHIATRA O PENSERA' CHE LO STAI SFIDANDO": ENNESIMA TESTIMONIANZA DELLA DEVASTAZIONE TARGATA "XEPLION"


Andrea Rinci ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "SINDROME SCHIZOAFFETTIVA: SIRINGONE MENSILE DI XEP...": 


Sono sempre stato un ragazzo solare e brillante. 
Poi mi sono ribellato alle mafie.
Xeplion tutti i mesi. Apatia, depressione, senso di vuoto, nausea, mancanza di voglia di fare qualsiasi cosa. Sveglia a orari indicibili. Ci sono tante, tante persone che mi vogliono bene. Ma gli psichiatri fanno i loro interessi e quelli delle case farmaceutiche. Ma non si può parlare. Non si può protestare. Non ci si può opporre. Non si può scrivere su facebook. Non si può usare il maiuscolo in chat. Non si può inventare. Non si può usare la fantasia. Non si può parlare. Bisogna solo ascoltare. Se il contatto visivo è troppo prolungato viene visto quasi come un segno di sfida. Questa è L'Italia, le famiglie italiane sono così. Non vivo più. Esisto solamente. 





Postato da Andrea Rinci in ALIMENTAZIONE E SALUTE di PIETRO BISANTI alle 15 aprile 2017 20:09

COMMENTO


Buongiorno sig. Ricci,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi...

Non avrei trovato parole più adatte per descrivere la situazione dell'odierna medievale e barbarica Psichiatria: persone che hanno il potere di decifrare, a loro piacimento, ogni singolo comportamento di una persona, dandogli un'etichetta e successivamente una bella "cura", che distrugge, come nel suo caso, il corpo e l'anima.

Ma sempre più persone stanno alzando la testa, stanno capendo che gli psicofarmaci non curano un bel nulla di niente e che le alternative (stile di vita e nutrizione) ci sono e funzionano.

Sono orgoglioso di "guidare" questo esercito di nuove persone consapevoli verso quello che tutti devono avere: la salute.

Ci sentiamo in privato

Pietro Bisanti



Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.





sabato 15 aprile 2017

"RIVOGLIO INDIETRO MIO FIGLIO! GLI PSICHIATRI ME LO HANNO DISTRUTTO CON CLOZAPINA E INVEGA"

LETTERA

Buongiorno Pietro, sono madre di un ragazzo di 24 anni che da 4 combatte contro la sua malattia. Ma quale malattia?

Io non riesco ad accettare senza dubitare a piegarmi a questo sistema, lo trovo sempre più spento, abulico in preda all'anedonia assoluta, nonostante tutti mi dicano che senza farmaci sarebbe peggio io sono convinta che sono proprio i farmaci a renderlo così: un automa, tra ricoveri e comunità me lo hanno ammazzato dentro ...Tommaso il mio Tommaso non c'è più...hanno fatto di lui ciò che hanno voluto. 

Prende 250 mg di clozapina la sera e 3 mg di Invega la mattina... basta, basta non va bene come posso fare nessuno mi ascolta e la psichiatra che lo ha in cura sostiene che queste idee da mamma sono sbagliate e che per aiutarlo devo mettermi da parte e far lavorare loro, sto sbagliando lo so... 

Rivoglio mio figlio, solare, bello, sportivo, simpatico e monello, il ragazzo di un tempo che ormai non c'è più.

Saluti affettuosi Rita


RISPOSTA

Buongiorno Rita,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi...

La sua testimonianza dovrebbe essere scritta su pietra e messa davanti a qualunque facoltà di specializzazione in Psichiatria dell'intero globo.

Come lei ha ben scritto, il suo Tommaso non ha alcuna malattia. Sicuramente sarà arrivato tra le grinfie degli psichiatri magari per un uso di marijuana, oppure per uno stile di vita sregolato, che ha indebolito il suo corpo fisico e conseguentemente la sua salute mentale.

E al posto di essere aiutato, compreso, capito, indirizzato verso uno stile di vita corretto, in modo che il proprio corpo si riequilibrasse DA SOLO e SENZA PERICOLI, ecco che i "luminari" di turno, gente che ha studiato per 12 anni una scienza sbagliata e inesistente, lo distruggono definitivamente, mettendo inoltre un muro ogni qualvolta un parente osi mettere in discussione la loro parola, come se fosse sacra e loro infallibili.

Oltretutto, somministrandogli un farmaco che definisco il più distruttivo in assoluto: la CLOZAPINA, addirittura con un altro antipsicotico!

Ma queste persone hanno la benché minima idea delle sofferenze mentali e fisiche, fino al vero e proprio delirio, che si hanno se solo si prova a scalare la clozapina?

Ma queste persone hanno la benché minima idea di quanto queste sostanze distruggano definitivamente corpo e mente?

Ma come fanno a non rendersi conto di non avere più davanti a loro un essere umano, bensì una larva?

Queste storie mi fanno capire che la nostra battaglia è ancora lunga, ma è SACROSANTA.

Riequilibrare un ragazzo di 24 anni sotto clozapina da quattro e con un altro antipsicotico è una sfida epocale, ma abbiamo il DOVERE di provarci.

Ci sentiamo in privato.

Forza e coraggio

Pietro Bisanti

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.




MAI COMINCIARE CON GLI PSICOFARMACI, QUALUNQUE COSA SUCCEDA: UNA PROMESSA DEL CALCIO RIDOTTA A UNO ZOMBIE IN CAMPO

LETTERA
Mi chiamo Tarli Rossano e la mia storia è incredibile, in breve gliela racconto così forse potrei salvare qualche vita nel non prendere mai la strada degli psicofarmaci. ....Ho 50 anni e all'età di 17 anni ho iniziato a prendere gli psicofarmaci e non me ne sono mai liberato.....il mio male è iniziato con un attacco di panico fino ad oggi ad avere idee ossessive invalidanti. ....ero un talento calcistico ma quando è arrivato il male non sono stato più io...il mio psichiatra mi somministro' il valium....tavor...etc. etc . In campo ero diventato uno zombie e la mia vita è stata tutta un convivere con la malattia. 



RISPOSTA

Buongiorno sig. Tarli,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi...

Grazie di aver voluto condividere la sua fortissima testimonianza.

Combatto da anni contro una Psichiatria che ormai ha raggiunto livelli di inumanità e bassezza mai visti.

L'uomo è ormai un contenitore da etichettare e riempire di psicofarmaci.

Io dico NO!

Non si arrenda, ha l'età per uscirne.

Provi a leggere il mio libro e il mio blog, vedrà che troverà tutte le informazioni che le servono per mandare a quel paese quest'esercito di finti luminari che non fanno altro che rovinare le persone che hanno la sfortuna di avere a che fare con loro.

Ci sentiamo in privato

Pietro Bisanti

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.




"PIETRO, SEI UN ESEMPIO DA SEGUIRE. ORA CONSIGLIAMI PER UN DENTE DEVITALIZZATO"

LETTERA

Ciao Pietro sono Luca da Biella, 34 anni, vegano da 4 anni convinto e contento di questa scelta!
Peso 58k per 1,70.

Prima di tutto ti faccio i miei più sinceri e sentiti complimenti per quello che fai (e per il tuo fantastico blog, che seguo ormai da qualche mese) ma soprattutto per COME lo fai.

Sei un grande, ti stimo e ammiro molto. Sei anche un grande esempio da seguire con la tua determinazione..grazie.

Oltre a lavorare, pratico a livello amatoriale la corsa in natura (trail running) e qualche esercizio a corpo libero, negli ultimi anni non ho mai smesso di informarmi riguardo l'Igienismo/Crudismo/Fruttarismo con sempre maggiore curiosità (ormai è un'altra SANA passione).

In passato ho provato esperienze positive di Crudismo e Fruttarismo senza mai però (purtroppo) riuscire a superare i 4/5 giorni...ma non demordo e proverò nuovamente.

Per ora grazie alle tue info da quattro mesi ho eliminato il caffè giornaliero che era rimasto, e il glutine, per ora alterno nei pasti principali (il resto del giorno frutta fresca) un giorno cereali senza glutine (anche saraceno, quinoa, miglio) e un giorno patate o zucca (a proposito come li fai gli gnocchi di sole patate...non aggiungi neanche la fecola o altro immagino).

Sto decisamente meglio..mi si è formata un po' di forfora (mai avuta) e due macchiette marroni nell'ascella destra..non mi preoccupo affatto sapendo che è una cosa passeggera.

Ora la cosa che mi preme di più dirti e che domani andrò dal dentista per farmi vedere un dente (premolare sup.dx) che si è rotta la paretina fra un dente e l'altro...e molto probabilmente vorrà devitalizzarlo come ha già fatto (purtroppo) su un altro dente l'anno scorso, quando non mi ero ancora informato a riguardo.
Non mi piace neanche l'idea dell'impianto in porcellana/ceramica in quanto forano l'osso mandibolare per fissare il perno (piuttosto toglierei il dente e stop) però ho letto che ritieni sia meglio cmq che la devitalizzazione, mi diresti cosa ne pensi per favore.

Ho anche un'otturazione con amalgama (non ricordo bene da 15/20anni) che toglierò al più presto.
Ho provato ad annusare il filo interdentale passato nel dente devitalizzato sei anni fa ed hai proprio ragione emana cattivo odore, con un po di colore scuro della gengiva in quel punto.
Grazie in anticipo per tutto e mi scuso se mi sono dilungato un po'.
Aspetto info soprattutto per il dente.
Grazie e Avanti cosi'  (cit.)
Inviato da Samsung Mobile

Lettera firmata


RISPOSTA

Buongiorno Luca,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi...

Intanto, AVANTI COSI': questo è lo spirito giusto per avere risultati. Impegno, perseveranza e GIOIA in quello che si fa.

Rispondo alle tue domande:

1) Fregatene di macchiette e forfora, e vai avanti come un treno

2) Un solo dente devitalizzato in bocca non lo ritengo sufficiente a incidere sulla salute di una persona che si alimenta correttamente. Comunque, valuta nel tempo di estrarlo, sicuramente non potrai che avere benefici dall'estirpare un'appendice morta

3) Evita se puoi l'ulteriore devitalizzazione: prova a fartelo pulire e se proprio non dovesse essere "salvabile", puoi valutarne l'estrazione, oppure, se non te la senti subito di estrarlo, puoi farlo devitalizzare e rimandare l'estrazione a tempi successivi. Tieni conto che un dente devitalizzato non comincia a dare problemi subito, ma si imputridisce nel tempo, anche a distanza di anni.

In pratica, ribadisco che sia molto meglio estrarre un dente morto piuttosto che devitalizzarlo, ma ogni caso va affrontato singolarmente.

Affiancando sempre un'alimentazione impeccabile, daremo comunque al nostro corpo le forze residue per reagire.

In caso di estrazione, puoi fare come me: ho estratto un molare devitalizzato con amalgama e l'ho sostituito con una protesi rimovibile "Valplast".

Cerca su Internet, e se hai bisogno dell'indirizzo del mio grande dentista, il dott. Ronchi di Milano, fammelo sapere.

Avanti così
Pietro Bisanti


Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.